Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la nostra politica relativa ai cookie.

Eventi

L'incantevole viaggio di Auleum in terra Vietnamita

Simbolo di un nuovo concept di food stylist, Auleum si fa interprete delle nuove tendenze del mondo luxury; la raffinatezza e l’incanto che lo contraddistinguono, fanno di Auleum un autentico oggetto del desiderio. Il fascino magico dell’olio edibile 23 k, non ha lasciato indifferenti molti paesi asiatici, tra essi però il Vietnam, è divenuto il principale terreno fertile in cui il seme del puro desiderio è stato coltivato. L’enfant prodige del luxury food italiano, ha cosi oggi varcato la soglia di Ho Chi Min, capitale dello stato vietnamita, dove all’interno del Rêverie Saigon Hotel sorge il meraviglioso “Romeo and Juliet”, guidato sapientemente dagli chef stellati Enrico De Martino e Giovanni Parrella. I due chef, hanno scelto di usufruire delle alchimie di Auleum, fregiandosi gelosamente - quasi fosse uno scrigno magico – dei suoi segreti. Incastonato nella sua stupenda ampolla “magica”, espone fiero le sue ceramiche Mazzotti ed i pregiatissimi tappi Icon, creati manualmente, mantenendo stretta a sé la formula di cotanta amabilità; solo sfregandola, potremmo assaporarne le sue qualità. Essa ci illude persuadendo nel compimento con sé d’un viaggio dentro un “nuovo mondo enogastronomico”, in cui: sapori, lusso, delicatezza, gusto, si incontrano dando vita ad una nuova essenza di luxury food. Sposare oggi la causa di Auleum, per il Romeo and Juliet di Ho Chi Minh, significa poter presentare ai propri ospiti, autentici percorsi enogastonomici, in cui l’olio d’oro è protagonista assoluto, reinventando piatti della tradizione italiana; riprova né sono: gli spaghetti aglio olio e peperoncino, che lo chef servendosi di un particolare costume, rifinisce innanzi all’ospite aggiungendo un filo d’olio Auleum, concedendo al prodotto la ribalta internazionale che merita. Concludendo, considerare Auleum veicolo di tradizioni, significa saperlo capace di farsi portavoce di tendenze, sogni e conoscenze di mondi apparentemente lontani ma indissolubilmente vicini.