Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la nostra politica relativa ai cookie.

La Ceramica

Arrivare nella Fabbrica Manifatturiera di Tullio Mazzotti ad Albisola, Liguria, Italia, è prima di tutto sorprendente. Stupisce l’edificio che sembra essere uscito dagli anni Trenta, con i suoi riferimenti futuristi così poco scontati e quel giardino che da solo è un’opera d’arte; meravigliano i calchi perfettamente impilati, i colori tutti diversi - che ci sono ovunque - e quella Sansevieria ostinata che spunta dal pavimento e vince il cemento. Ci sono i forni caldi che non sono mai spenti, le opere a catalogo pronte per essere vendute e le commesse speciali che occupano intere sale, come quella fila di piastrelle over size dipinte e colorate che aspettano di essere consegnate a Parigi. Tullio Mazzotti, che si chiama come quel suo prozio che ha portato ad Albisola i maggior esponenti della corrente futuristica capitanata da Filippo Tommaso Marinetti, racconta come la ceramica diventa arte. E quanta storia, bellezza e vita ci sia nei manufatti creati da questo materiale duttile che ubbidisce così bene alle mani dell’artista. In questo laboratorio vicino al mare racconta come succede che una semplice chiusura, un unico tappo, si trasformi in realtà nel pezzo unico di una collezione irripetibile: Icon 2016.

Auleum: le parole dell'artista

"La ceramica è strumento di espressione dell’arte contemporanea, un materiale nobile e il ceramista lo scultore.

La ceramica di Albisola in più è solo qui, la nostra storia non è da nessun altra parte nel mondo”

Tullio Mazzotti, Artista ceramista, Albisola Italia